lunedì 16 aprile 2018

7 aprile CoderDojo Pavia a Binasco!

Sabato 7 aprile ci ha visti invadere letteralmente la scuola primaria A.Frank di Binasco, una bellissima struttura di recente costruzione
in cui ci siamo trovati subito a nostro agio. Simona e Nadia nell'accogliente ingresso hanno gestito il processo di registrazione dei bambini, ed una volta ultimato questo momento sono rimaste a disposizione per informazioni e chiarimenti.
Una volta accompagnati i bambini nei laboratori, i genitori sono stati accolti nel grande auditorium
dove Pierlorenzo Castrovinci, coordinatore per la Lombardia di Informatici senza Frontiere, ha affrontato con loro alcuni temi "scottati" in merito all'utilizzo di Internet.
I bambini invece sono saliti al piano di sopra e si sono sparpagliati in uno dei 7 laboratori che ciascuno di loro aveva precedentemente scelto.
I ragazzi impegnati con Scratch erano suddivisi i due laboratori: nuovi ingressi e veterani.
I ragazzi di AppInventor, guidati da Riccardo, 
si sono lanciati nella creazione della app "Buca in uno", in stile Minigolf.
I ragazzi HTML hanno proseguito la loro avventura nella creazione delle pagine web sotto la guida di Monica
Il gruppo degli scatenati di Sapientino ha utilizzato 3 tipo di robot: Sapientino DOC, Mind Designer e Robotic inventions, per realizzare percorsi e disegni
I sarti digitali di DressCode hanno realizzato dei cappucci, 
sui quali hanno poi cucito della tecnologia
coinvolgendo anche le maestre di passaggio nelle loro creazioni
Il gruppo di LEGO WeDO ha realizzato il laboratorio di robotica avanzata in una bellissima aula attrezzata con materiali davvero interessanti
Sotto la guida di Karim ha dato vita a creazioni che sono state animate
con gran gusto dei partecipanti
Trovate tutte le foto dell'evento su Flickr.
Il prossimo appuntamento sarà sabato 21 aprile presso la scuola Carducci di Pavia. Le iscrizioni aprono martedì 17 aprile h 20:30 su coderdojopv.evenbrite.it.
Vi aspettiamo!





lunedì 2 aprile 2018

10° comPVleanno


E' sempre più difficile riuscire a riassumere i momenti magici, le soddisfazioni e le difficoltà che ci hanno accompagnato in questo intricato percorso.

comPVter ormai è un contenitore - mi piace dire all'inizio di ogni "giro turistico" difronte a volti nuovi - in cui ogni socio porta le proprie passioni e competenze per metterle a fattor comune. E' un acceleratore: un luogo ove la storia della tecnologia strizza l'occhio alle novità più strabilianti, dove è possibile imparare solo per il gusto di farlo o sviluppare i propri progetti in modo informale e divertente.

Certo, non è sempre stato così. In questi due giorni mi sono ritrovato a spulciare nel blog alla ricerca di alcuni punti di svolta, ho cercato di recuperare date ed esperienze, ho dato la caccia alle "scintille" da cui ogni nostra folle sfaccettatura ha avuto origine.... ed ecco com'è andata:

2008

Si parte il primo aprile, totalmente ignari di essere innanzi alla nascita di qualche cosa di grande:

già un mese e mezzo dopo la situazione di fa presto imbarazzante. E' vero che un decennio fa era decisamente più facile trovare hardware a prezzi umani, ma è anche vero che comPVter è un progetto che piace subito fin dall'inizio. Sono molte le persone che una volta capito "lo spirito" portano nella nostra prima sede alcune anticaglie odorose di cantina:

Piazzo qualche acquisto (...ok, un po' più di qualche) su Ebay accaparrandomi prima i "pezzi più facili" e poi qualche chicca, tenendo aggiornato fin da subito un wiki per monitorare i nuovi arrivi e documentare i nostri tentativi di ripristino.

Qualche giorno prima della fine dell'anno arrivano i primi "big iron", iniziamo ad invadere la seconda stanza.

2009

I primi mesi dell'anno sono duri. Non c'è il riscaldamento e fa veramente freddo. Impariamo parecchio: tutti i giovedì ci troviamo in un modo o nell'altro ad avere in mano cacciaviti e saldatore.

Con l'arrivo della bella stagione il giro degli appassionati cresce. Uno di questi si presenta con una schedina tanto minuscola quanto affascinante: è la prima versione di Arduino !

Mi fa veramente sorridiere rileggere le mie parole di allora:
"...Credo che prima o poi la nostra associazione debba rivolgere il proprio interesse verso questi affascinanti argomenti, un po' "terra di confine" tra l'informatica e la robotica.
Beh, due previsioni centrate. Soprattutto la parola "associazione" !

In novembre parte il primo corso rivolto ai membri di comPVter (è ancora presto per poter parlare di soci !) Elettronica di base in 10 lezioni !

Intanto proseguono i recuperi, le donazioni ...e le acquisizioni.
L'anno si chiude con il trasferimento del wiki ospitato da wikia, su di un server tutto nostro.

2010

Durante i mesi invernali le attività sono scarse a causa del freddo.
Invece di acquistare solo ciarpame, a marzo compro una nova caldaia e, con l'aiuto di un tecnico, rimetto in funzione il riscaldamento e l'aria condizionata.

Nasce la rubrica contemPVoraneamente e ci divertiamo un sacco a scrivere e ad arricchire il wiki.
A settembre visito per la prima volta il mercatino di Marzaglia che diventerà il principale terreno di caccia. 

In ottobre è il primo Brusaporto. Per la prima volta esponiamo al pubblico del nostro materiale. comPVter entra in un network di appassionati di alto livello. Amicizia, condivisione di competenze e scambi con collezionisti di tutta Italia.

2011

Questo è "l'anno della mostra" ossia quando abbiamo deciso di esporre al Museo della Tecnica Elettrica dell'Università di Pavia una cinquantina di pezzi:

Sono stati lunghi ed intensi i mesi di preparazione: la scelta, il ripristino, le foto ad alta risoluzione. Cartelloni tematici, schede descrittive per ogni singola macchina, un sito web dedicato.

Coinvolgere una lunga schiera di ospiti che in ogni weekend arricchivano la mostra con testimonianze dirette.

Ma il 2011 è importante anche per un altro motivo: iniziamo ad occuparci di didattica rivolta ai più piccoli: nasce comPVter kids:

Gettando così le basi di quello che evolverà poi in CoderDojo.

2012

Ecco un altro evento importante: comperiamo la prima Raspberry e soprattutto la nostra prima stampante 3D: l'Ultimaker.

Ormai l'hardware ha invaso anche la terza stanza e per assemblare più comodamente il kit della stampante allestiamo un paio di tavoli nel capannone. Ennesima ridistribuzione interna degli spazi.

2013

Questo è senza dubbio l'anno memorabile in cui vede la nascita CoderDojo Pavia.
Ecco una foto del primo incontro: 16 bambini iscritti.

Allarghiamo ulteriormente il nostro interesse verso altri aspetti della tecnologia: sistemi audio-video, giocattoli con processori, macchine fotografiche ecc. Di conseguenza il capannone che ci ospita viene ancora una volta stravolto: acquisto nuovi scaffali per sfruttare al massimo lo spazio disponibile.
Iniziamo a giocare con le slot-car digitali Carrera.

2014

Prima del fatidico "andate via" sono comunque successe cose interessanti. Nel 2014 abbiamo sperimentato il primo TeacherDojo dedicato agli insegnanti.

CoderDojo sbarca al Miur ed in contemporanea al Parlamento

A Pasqua arriva il simulatore di guida, ecco la "prima versione". Occupiamo anche l'ultimo angolino disponibile:

Partecipiamo alla fiera Robot & Makers di Novegro.

Ospitiamo presso i ns. locali la Acme Systems che regalano ad ogni membro del gruppo un'Arietta e lasciano una splendida termo-formatrice.

Abbiamo modo di provare i Google Glasses e ci arrivano gli Oculus Rift DK2.

Alcuni dei nostri membri modificano uno scanner per realizzare un bromografo, in grado di permetterci di prototipare piccoli circuiti elettronici.

In ottobre partecipiamo alla Maker Faire di Roma, portando una fresa a controllo numerico autocostruita con tanta fatica e passione.

Ci sembra di vivere un bel sogno, ma è ora di aprire gli occhi. Arriva inaspettato il 12 dicembre.
Dobbiamo andar via, traslocare tutto... ed in fretta !

2015

Non riesco ancora a descrivere razionalmente le emozioni di quegli ultimi giorni dell'anno: l'amicizia ed il sostegno di molte persone che - da quel momento in poi - ho iniziato a definire anche agli occhi della legge "soci". Diventiamo infatti "comPVter APS".

E' infinita la gioia dell'aver trovato un nuovo posto dove rinascere, ci fa quasi dimenticare la fatica e l'impegno per imballare e spostare tutto, in meno di 30 giorni.

I primi mesi dell'anno sono dedicati al ripristino dei locali:

E' dura, si torna ai freddi giovedì senza riscaldamento, ma tutto, in poco tempo, riparte. 

In marzo siamo già pronti ad ospitare il primo CoderDojo nella nuova sede e contemporaneamente inauguriamo una mostra a Stradella organizzata dai giovani e straordinari studenti dell'Istituto Faravelli.  

Partecipiamo ad un evento sul tema "Italian Digital Divide" organizzato presso la sede pavese della Confederazione Italiana Agricoltori.

In aprile entriamo in contatto con Zanshin Tech e ci lasciamo affascinare da questa notevole didattica volta ad arginare il fenomeno del Cyberbullismo, entriamo anche in contatto per la prima volta con Activators Pavia.

In maggio si espone qualche pezzo a Cerro Maggiore assieme all'amico Davide, ritorniamo poi ad esporre a Novegro durante Robot & Makers con uno stand veramente ricco di materiale.

In estate proviamo a lanciare un centro estivo dedicato ai figli dei soci: Summer in Code, iniziativa molto interessante che però non siamo più riusciti a ripetere.

Non tutto però è rose e fiori, assieme al forte entusiasmo ed alla voglia di ripartire non possiamo dimenticare le difficoltà legate al progetto laser. Questa sfida, che abbiamo inizialmente clamorosamente sottovalutato, è stata vinta con un grande sforzo gravato sulle spalle di pochi.
Come non mai siamo stati vicini al punto di rottura.

In ottobre alcuni dei nostri portano il contributo di CoderDojo Pavia a Bruxelles, nientemeno che al Parlamento Europeo. Nello stesso mese apre la prima palestra di Zanshin Tech fuori dalla città che ne ha visto la nascita.

2016

CoderDojo cresce in modo incontenibile, tanto da costringerci a cercare nuove location: la nostra sede è troppo piccola. Iniziamo ad essere ospitati dal Polo Tecnologico di Pavia. In questi spazi riusciamo ad accogliere fino a 100 bambini e a diversificare l'offerta formativa, organizzando sempre più laboratori in parallelo.

Cominciamo a farci conoscere e alcune scuole ci chiamano offrendo i locali per promuovere attività di coding. Alcuni dei nostri ragazzi partecipano all'evento Coolest Project a Dublino portando alcuni progetti particolarmente innovativi e divertenti:

Le nostre attività di formazione si arricchiscono grazie al percorso "Minori e consapevolezza in rete" rivolto ai genitori. 
Parte anche l'originale iniziativa DressCode, che affianca App Inventor ormai appuntamento fisso per alcuni giovani appassionati.

Parallelamente questo è l'anno in cui cresce l'attenzione verso la progettazione, la prototipazione e la sperimentazione. Le stampanti 3D si moltiplicano, arrivano macchine per la lavorazione del legno e cresce la competenza in quella zona di confine tra l'elettronica e l'informatica.

Purtroppo però Zanshin Tech incontra una serie di difficoltà venendo meno la disponibilità delle tre colonne portanti che hanno dato il via al progetto, si cercano nuove leve !

2017

Ci avviciniamo pericolosamente alla storia recente, quindi non mi dilungo ad elencare eventi che sono ben presenti nella memoria di tutti. Andate magari a spulciare il resoconto delle attività svolte che abbiamo condiviso con tutti voi in Assemblea di chiusura anno.

....concludendo

Ne abbiamo fatta di strada in questi 10 anni ! Fatica, ostacoli, momenti difficili ma anche tanta soddisfazione, amicizia e voglia di stare assieme.

Certamente in questa mia sbrodolata mi sarò dimenticato alcuni eventi importanti, faccio finta di dar la colpa all'influenza, ma mi scuso fin da ora per le mie più gravi omissioni..... 

Oggi siamo una realtà molto particolare, per certi aspetti unica in Italia: nasciamo come retro-computing ma non ci fermiamo. Ci occupiamo di didattica verso i più giovani ma abbiamo a calendario numerosi eventi formativi per adulti e insegnanti. Ci piace giocare e sperimentare ma collaboriamo con molte aziende e start-up per aiutarle negli aspetti più tecnici.

Non dimentichiamoci le nostre origini, ma restiamo sempre pronti ad evolverci.

Siamo in tanti, ma non abbastanza. Con l'aiuto, l'entusiasmo e la passione di tutti i soci possiamo fare sempre meglio.

La nostra più grande ricchezza è la diversità di interessi ed esperienze che ci unisce.

mercoledì 28 marzo 2018

Ennesimo trasloco

Alla soglia del nostro decimo compleanno, siamo ancora una volta alle prese con un massiccio spostamento di materiale:

Gli ultimi weekend ci hanno visto impegnati a traslocare ben 80 bancali e parecchio materiale sfuso che, per ragioni di spazio, non può essere esposto in sede.

4 viaggi con un furgone Ducato e ben 3 viaggi con un bilico capace di stivare 33 pallet alla volta.

...opportunamente protetti dalla pioggia incessante !

Ora abbiamo raggiunto una nuova location, più "ruspante" ma un po' più economica.

Un po' alla volta i bancali trovano posto, tutti schierati:

E' stata una bella avventura, ma ci auguriamo di aver finalmente trovato una location stabile.

Ricominceremo quindi presto ad arricchire il nostro dettagliatissimo inventario.

giovedì 22 marzo 2018

17 marzo CoderDojo Pavia alla scuola DeAmicis!

Cosa potrebbero rispondere dei bambini se gli chiedessimo: ma se sabato andassimo a scuola?
Ebbene, sabato scorso 17 marzo ben 90 bambini si sono dati appuntamento alla scuola De Amicis per imparare a programmare insieme videogiochi, app, siti web, robot e schede elettroniche, sotto gli occhi stupiti delle loro insegnanti!
Erano ben 7 i laboratori disponibili:
- Scratch per chi era alla prima volta con l'esperienza CoderDojo Pavia
Scratch per i ninja più veterani che hanno già fatto esperienza di realizzazione videogiochi
- AppInventor per chi vuole imparare a realizzare app per dispositivi mobili
- HTML per chi voleva imparare a realizzare un sito web dai fondamenti
- Sapientino per i bambini a partire dai 4 anni
- Unity3D per imparare a realizzare videogiochi in 3D
- DressCode ovvero il laboratorio di sartoria digitale
Per i genitori era disponibile il seminario a cura di Pierlorenzo Castrovinci, BullismOggi, per sensibilizzare i genitori sul tema di web e consapevolezza.
Il laboratorio Scratch era gestito, su due diverse aule, da Roberto ed Andrea, che si sono divertiti assieme ai ninja a ricreare giochi per console di difficoltà differente.
E' sempre una scoperta vedere come i bambini, in pochi passi, scoprano questo ribaltamento della prospettiva,
divenendo ideatori e creatori di nuovi giochi, realizzati con personaggi, regole, ambientazioni scaturiti dalla loro fantasia.

Il tutto con Scratch, in grado di girare su qualunque PC.
Nel laboratorio AppInventor i ragazzi sono partiti dando vita ad una app che ripropone, sui device mobili, un videogioco che ha fatto la storia: space invaders!
Nel laboratorio di Unity3D ci sono stati nuovi ingressi, a partire dai 9 anni, che si sono perfettamente ambientati nello spirito di gioco. Continua infatti l'idea di realizzare i modo collaborativo un grande gioco multilivello.
A Sapientino i ninja hanno potuto usare gli spazi della grande palestra per far muovere Sapientino DOC, le api BeeBot e far disegnare Mind Designer.
Ad HTML i ragazzi si sono divertiti ad aggiungere le immagini elle loro pagine.
A dress code i nostri sarti digitali proseguono i loro progetti con creatività e nuove aggiunte.
Tutte le foto sono disponibili qui: https://flic.kr/s/aHsmgfem5J.
Il prossimo appuntamento sarà sabato 7 aprile presso l'IC di Binasco: iscrizioni su coderdojopv.evetbrite.it a partire dal 27 marzo.Vi aspettiamo!





martedì 6 marzo 2018

3 mar 2018 CoderDojo Pavia@Polo: impara a programmare, costruisci il tuo futuro!

Sabato scorso, 3 marzo, una bella nevicata ha dato il via al quarto appuntamento CoderDojo del 2018
I nostri impavidi ninja però non si sono fatti scoraggiare e si sono presentati numerosi all'evento.
I laboratori disponibili erano 6: Scratch, HTML5, Unity 3D, AppInventor, Dress Code e Sapientino DOC. Per i genitori era disponibile il workshop a cura di Riccardo Codevilla "Una conduzione emotiva".
Nel laboratorio Scratch i lavori sono cominciati con una piacevole sorpresa: la presentazione, a cura di Mirko Granata, di RisVolta, la piantina che produce elettricità.
Quindi il laboratorio ha preso il via, con una corsa di topolini in pista, tutta da personalizzare, adattare ed espandere, a cura dei ninja.
Nel laboratorio HTML5 i ragazzi si sono addentrati nella scoperta ed utilizzo delle Sushi Card 
e del volume Create with Code, approcciando con creatività ed entusiasmo il tema della creazione delle pagine web, che tipicamente vengono semplicemente "navigate" dai loro compagni che ancora on conoscono CoderDojo.
A Unity 3D continua l'esperimento di progettazione collaborativa di un gioco a livelli dove ciascun ninja si sta occupando di una porzione della creazione.
Il prodotto finito vedrà la luce al termine della stagione 2017/2018, a maggio.
Nel laboratorio AppInventor i ragazzi si sono cimentati nella progettazione e creazione di un gioco di lancio della pallina utilizzando i sensori di movimento dei loro device.

Il gusto di saper realizzare giochi per i dispositivi che spesso vengono utilizzati come console di giochi fatti da altri è davvero notevole!
A dress code c'erano diverse linee di lavoro e sviluppo: il gruppo vestito da sposa, che sta lavorando alle cuciture, 
il gruppo vestito colorato, che ha terminato la cucitura prima a mano 
e poi a macchina proprio questo sabato
ed ha potuto sfoggiare il prodotto finito, o meglio ha trovato una mamma modella! 
il gruppo che ha ultimato la cucitura della borsa cui era stato applicato nella scorsa puntata il microcontrollore Gemma
infine il gruppo uovo che ha finito la cucitura a mano di tutta la stoffa ed ha potuto approcciare la rifinitura a macchina. 
I bambini più piccoli si sono divertiti ad inventare percorsi e sfide per Sapientino DOC.
I genitori, disposti in cerchio, hanno potuto confrontarsi sui temi quotidiani della leadership genitoriale, stimolati dalla guida sempre positiva di Riccardo Codevilla.
Il tutto è stato coronato dalla costruzione di un bel uomo di neve: 
Super cool!
Tutte le foto dell'evento sono visionabili sul nostro canale Flickr.
Prossimo appuntamento sabato 17 marzo h 9:30 presso la scuola De Amicis di Pavia. Iscrizione su coderdojopv.eventbrite.it a partire da martedì 13 marzo h 20:30.